Chiesa udinese in cammino verso «Madone di Mont»

Si rinnova il tradizionale appuntamento con il pellegrinaggio diocesano al santuario di Castelmonte: domenica 8 settembre alle 14.15 il ritrovo – come sempre – a Carraria, per mettersi poi in cammino, guidati dall’arcivescovo di Udine, mons. Andrea Bruno Mazzocato, verso il santuario mariano.

Anche quest’anno il pellegrinaggio avrà un significato particolare, ad unire tutti i fedeli, infatti, una volontà comune: quella di affidare al suo sguardo materno e misericordioso il cammino della Chiesa udinese. Per sua intercessione, si invocherà lo Spirito Santo in particolare sull’importante progetto diocesano delle Collaborazioni pastorali. «In una preghiera corale – scrive l’Arcivescovo nel suo messaggio ai fedeli – torneremo ad affidare a la Madone di Mont anche la Chiesa di Udine perché sia lei ad accompagnarci nell’attuazione del progetto pastorale sul quale ci siamo ormai avviati. Se facciamo conto delle nostre sole forze possiamo spaventarci, ma noi speriamo in Maria che ci conduce a Gesù. Alle nozze di Cana Ella ha ottenuto da Gesù il miracolo di trasformare l’acqua in vino. Oggi, nonostante le nostre povere risorse, speriamo di vivere un profondo rinnovamento nella nostra Chiesa diocesana grazie all’intercessione di Maria e per la potenza di Gesù e del suo Spirito».

«Come ci siamo più volte ricordati –  prosegue l’Arcivescovo –, il nostro progetto diocesano ha un’anima missionaria. Proprio la riscoperta dello spirito missionario sarà il tema spirituale che ci accompagnerà nell’anno pastorale 2019-20. Maria sarà con noi perché ella è stata la prima missionaria. Appena ricevuto l’annuncio dell’angelo ella è partita e ha portato Gesù, che aveva iniziato a formarsi nel suo grembo, ad Elisabetta e a Giovanni Battista. Ha riunito, poi, attorno a sé gli apostoli in preghiera per invocare a Pentecoste il dono dello Spirito Santo che ha generato la Chiesa. So che tra noi ci sono tante persone che amano Maria e la nostra Chiesa diocesana. Le invito tutte al pellegrinaggio per unire voci e cuori e chiedere una grande grazia per la nostra diocesi e per tutte le altre intenzioni di preghiera che custodiamo nel cuore».

Il raduno e la salita 

Il raduno dei partecipanti è previsto per le 14.15 a Carraria per dare inizio alle 14.30 al pellegrinaggio con la benedizione dei pellegrini e la salita a piedi. Alle ore 17, sul piazzale del Santuario, l’Arcivescovo presiederà la Santa Messa cui seguirà l’affidamento della Chiesa udinese a Maria e il canto di lode del Magnificat (diretta dalle 16 sulle frequenze dell’emittente diocesana «Radio Spazio»).

In caso di maltempo si effettuerà il pellegrinaggio in salita, ma la Santa Messa sarà celebrata all’interno del Santuario.

Vuoi condividere questo articolo?

Facebooktwittermail