In pellegrinaggio a Castelmonte: ecco l’atto di affidamento alla Madonna

Si rinnova, per la 42ª volta, sabato 8 settembre, festa della natività della Beata Vergine Maria, il tradizionale pellegrinaggio al santuario mariano di Castelmonte/Madone di Mont/Stara Gora che come ogni anno richiama migliaia di fedeli da ogni angolo del Friuli.

L’Arcivescovo, mons. Andrea Bruno Mazzocato, nel suo messaggio di invito, richiama il valore di questo “peregrinare” nella preghiera, impegno nato nel 1976 tra le macerie del sisma, ricordando anche l’intensa celebrazione tenutasi il 5 maggio 2016 a Gemona per fare memoria del terremoto, con i Vescovi delle diocesi gemellate con le parrocchie terremotate: «È stato un momento di intensa preghiera in suffragio delle vittime, di ringraziamento per il tanto bene che da quella prova è nato e di rinnovato impegno a far nostro l’accorato invito lanciato allora dall’indimenticato mons. Battisti: “Vecje anime dal Friûl no sta’ murì”. Il pellegrinaggio al Santuario di Castelmonte sarà il secondo importante appuntamento diocesano per ricordare nella fede e nella preghiera il travaglio del terremoto sopportato dal popolo friulano con grande dignità umana e cristiana».

Il raduno dei partecipanti è previsto per le ore 14.15 a Carraria per dare inizio alle 14.30 al pellegrinaggio con la benedizione dei pellegrini e la salita a piedi. Alle ore 17, sul piazzale del Santuario, l’Arcivescovo presiederà la Santa Messa cui seguirà l’affidamento della Chiesa udinese a Maria e il canto di lode del Magnificat.

Ecco dunque l’atto di affidamento a Madone di Mont:

Santa Maria, Madre di Dio, Madone di Mont,

ti salutiamo in questo luogo santo,

dove da secoli, in lingue diverse,

sei invocata e lodata quale rifugio dei peccatori, consolatrice degli afflitti e regina degli umili.

Sei tu la via che ci conduce a Cristo,

il monte santo dove risplende la gloria del Padre.

Tu, avvolta dalla nube dello Spirito, sei diventata la Madre del Verbo:

per mezzo tuo il Salvatore è venuto in mezzo al suo popolo

cancellando la condanna antica e inaugurando la pace.

Tu, ricolma di speranza, sotto la croce del Figlio hai atteso la risurrezione:

ora gioisci ed esulti perché la morte è stata vinta per sempre.

Tu, unita ai discepoli in preghiera, hai accolto il Paraclito

e al nascere della santa Chiesa

ne sei divenuta Madre e modello.

Santa Maria, Madre di Dio, Madone di Mont,

fiduciosi innalziamo a te la nostra supplica

e a te ci affidiamo.

Tu, Madre addolorata, che hai conosciuto la sofferenza e l’esilio,

hai anche accompagnato il nostro popolo

nell’immensa tragedia del terremoto.

Ora sostieni il suo cammino

affinché cresca come edificio solido di pietre vive

fondato sulla pietra angolare che è Cristo.

Guarda alle nostre famiglie

perché non manchi loro il vino della speranza e della gioia:

in esse maturino i frutti della fedeltà, dell’amore per la vita e del perdono.

Benedici i nostri bambini

perché la loro vita sia piena dell’incontro con Dio:

a immagine del Bambino di Betlemme crescano in sapienza, età e grazia.

Illumina i nostri giovani

perché rispondano alla loro vocazione:

siano l’inizio di un tempo nuovo all’insegna della vita donata.

Intercedi presso il tuo Figlio per tutta la nostra Chiesa:

egli ci doni ancora uomini e donne che, con libertà e generosità,

lo seguano nella via del ministero e dei consigli evangelici

per l’annuncio della Parola, per la celebrazione dei santi misteri,

per essere sentinelle del Regno che viene.

Santa Maria, Madre di Dio, Madone di Mont,

la nostra salvezza è nelle tue mani!

Fa’ che non abbandoniamo mai il Vangelo di Gesù, via, verità e vita:

in lui ciò che è distrutto si ricostruisce, e ciò che è invecchiato si rinnova.

Ridesta, o Madre, il torpore che spesso ci appesantisce:

muovi i nostri passi stanchi verso i fratelli

per vivere con loro la vera carità dove Dio è presente.

Al tramonto di questo giorno, come alla sera della vita,

mostraci ancora il frutto del tuo seno, Gesù,

per vivere di lui, e con lui camminare

fino al giorno che mai si spegne.

Santa Maria, Madre di Dio, Madone di Mont, prega per noi.

Vuoi condividere questo articolo?

Facebooktwittergoogle_plusmail